La donazione di plasma

La donazione di plasma, sottrae all’organismo prevalentemente liquidi e una piccola parte di proteine, la cui perdita non è un problema dal punto di vista fisico in quanto viene rigenerato autonomamente in qualche ora o massimo in qualche giorno.

La plasmaferesi, ovvero la separazione del plasma dagli elementi corpuscolati del sangue, viene effettuata da apparecchi detti separatori cellulari. Lo scopo è quello di separare e ottenere una sacca di sangue priva di globuli rossi, globuli bianchi e piastrine, in modo che possano essere restituiti al donatore.

Infine, ad ogni seduta, viene generalmente rinfuso al donatore una quantità di soluzione fisiologica pari a quella di plasma donato, in modo da rimpiazzare così in maniera rapida i liquidi persi.
Il tutto, naturalmente, effettuato in perfetta sterilità garantendo così la massima sicurezza per il donatore e per chi riceve il plasma donato

Quanti sono i donatori di plasma?

I nuovi donatori sono pressoché 371mila e ogni anni sono in calo circa del 3,7%. Sono in leggero calo anche i pazienti trasfusi, che fino a qualche anno fa erano circa 630mila contro i 637mila degli anni precedenti. Il totale di trasfusioni fatte durante l’anno è stato quasi 3 milioni.

I dati in diminuzione costante non riguardano i donatori in aferesi, ovvero la procedura che permette di donare soltanto alcune parti del sangue, come il plasma e le piastrine, le quali sono stati circa 202mila con ben circa 840mila chilogrammi di plasma raccolti.

Negli scorsi anni è comunque stata garantita l’autosufficienza totale, che per i derivati del plasma è circa al 70%.

L’invecchiamento dei donatori

I donatori nella fascia di età tra 18 e 25 anni sono in netto calo costante infatti negli ultimi anni sono scesi circa del 12% arrivando a poco più di 210mila. L’altra fascia fortemente colpita è quella che va dai 26 ai 35 anni, che in qualche anno sono scesi circa del circa il 17%, che corrisponde pressoché a 290mila.

Ovviamente si ha il problema inverso per quanto riguarda le fasce di età che vanno dai 36 ai 45 anni e dai 46 ai 55 anni che, per effetto dell’invecchiamento della popolazione, vedono una crescita e contano circa il 25% e il 29% in più di donazioni.

L’assenza dei medici specialisti

Il sistema trasfusionale Italiano conta su oltre 270 Servizi trasfusionali ospedalieri. Negli ultimi anni il totale di professionisti si è ridotto in 10 regioni di circa 64 medici. La prospettiva a distanza di dieci anni, con un bisogno stimato che va oltre le circa 500 unità di medici specialisti soprattutto a causa del turnover generazionale, sarà un grande problema in Italia.

MARGOTTA s.r.l. - Via Cavour, 1 - 40033 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051 6130101 - Fax 051 590311 Email: info@margo.it
C.F. 01118260379 / P.Iva 01685051201 iscritta al R.E.A. di BO n.236540 - Cap. Soc. Euro 110.000 interamente versato